Wabbajack

 

 

I ragazzini non dovrebbero invocare le forze dell'eterna oscurità in assenza di un adulto, lo so, lo so. Ma quella tiepida notte del quinto giorno del Primo Seme, non volevo un adulto. Volevo Hermaeus Mora, il daedra della conoscenza, della scienza, delle resine e delle tinture. Un uomo affascinante e dal petto forte che viveva sotto la biblioteca della mia città mi disse che il quinto giorno del Primo Seme sarebbe arrivata la notte di Hermaeus Mora. E che per avere l'Oghma Infinium, il libro della conoscenza, avrei dovuto invocarlo. Quando si è il nuovo re di Solitude, qualsiasi conoscenza fa comodo.

 

Di solito, per invocare un principe dell'Oblivion servono un gruppo di streghe o una congrega di maghi, o almeno lenzuola e federe coordinate.

 

L'uomo che viveva sotto la biblioteca mi mostrò come fare. Mi disse di aspettare di rasare il gatto quando la tempesta fosse stata al culmine. Ho dimenticato il resto del rituale. Non importa.

 

Comparve qualcuno, pensai che fosse Hermaeus Mora. L'unica cosa che mi insospettì un po' fu il fatto che Hermaeus Mora, stando ai libri, era un enorme mostro pieno d'occhi e dagli artigli affilati, mentre il tipo che avevo davanti sembrava un impiegatuccio di banca. Inoltre, continuava a riferirsi a se stesso con il nome di Sheogorath, non Hermaeus Mora. Ma ero così felice di essere riuscito a invocare Hermaeus Mora che non feci caso a queste incongruenze. Mi ordinò di fare cose di cui non compresi il senso (al di là della conoscenza, della comprensione e della portata di una mente mortale, immagino), e poi il suo aiutante soddisfatto mi diede una cosa che chiamò Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack.

 

Wabbajack.

 

Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack.

 

Forse il Wabbajack è il libro della conoscenza. Forse sono più intelligente perché so che i gatti non sono piatti né ratti né matti né cerbiatti né estratti né sottratti. E che le porte possono essere corte torte sporte storte morte. Devo essere intelligente, perché capisco con chiarezza il sistema di interrelazione. E allora perché, o come mai, la gente continua a chiamarmi folle?

 

Wabbajack. Wabbajack. Wabbajack.