Risposta al discorso di Bero

 

di

Malviser, mago guerriero

 

 

Il 14 Ultimo Seme, un maestro nella dottrina dell'Illusione, di nome Beravar Bero, tenne una conferenza alquanto rozza presso la Cappella di Julianos nella Città Imperiale.

 

Poiché le argomentazioni rozze e ignoranti difficilmente sono degne di menzogne, non c'era alcuna ragione di replicare. Sfortunatamente, in seguito fece stampare privatamente il testo della sua conferenza con il titolo Discorso di Bero ai maghi guerrieri e ricevette una minima, immeritata attenzione nei circoli accademici. Mettiamo dunque a tacere le sue errate concezioni.

 

Bero iniziò la sua conferenza con un resoconto, solo occasionalmente basato sui reali accadimenti, di maghi guerrieri più famosi, da Zurin Arctus, mago guerriero imperiale di Uriel Septim VII. Il suo intento era dimostrare che, laddove si rendeva determinante, i maghi guerrieri si affidavano ad altre Scuole di Magicka, e non alla Scuola della Distruzione che si supponeva essere la specialità di un mago guerriero. Permettetemi prima di contestare quei cosiddetti fatti storici.

 

Zurin Arctus non creò il golem Numidium impiegando incantesimi derivati dalle Scuole del Misticismo e dell'Evocazione, come Bero asserisce. La verità è che noi non sappiamo come Numidium venne creato o se fosse un golem oppure un atronach, in uno qualsiasi dei significati tradizionali di queste parole. Hethoth, il mago guerriero imperiale di Uriel V, non era in realtà un mago guerriero imperiale. Era semplicemente uno stregone al servizio dell'Impero, dunque quale incantesimo abbia lanciato nelle varie battaglie ad Akavir, è un fatto irrilevante, non degno di menzione in questa sede. Bero definisce Welloc, il mago guerriero imperiale dell'Imperatrice Morihatha, "un esperto diplomatico" ma non "un potente studioso della Scuola della Distruzione". Mi congratulo con Bero per aver correttamente identificato un mago guerriero imperiale, tuttavia essitono numerose prove scritte dell'abilità di Welloc nella Scuola della Distruzione. Il saggio Celarus, per esempio, scrisse ampiamente di Welloc e di come avesse scagliato la Nube Vampiresca sulle armate dei ribelli di Blackrose, causando il trasferimento della loro forza e della loro destrezza ai loro avversari. Cos'altro può essere questo, se non un efficace esempio della Scuola della Distruzione?

 

Alquanto penosamente, Bero include Jagar Tharn nel suo elenco di mediocri maghi guerrieri. Usare uno scellerato traditore come esempio di un comportamento razionale è una posizione insostenibile. Cosa avrebbe preferito Bero? Forse che Tharn avesse usato la Scuola della Distruzione per devastare Tamriel con mezzi più tradizionali?

 

Bero impiega la sua errata interpretazione storica come base per le sue argomentazioni. Se anche avesse trovato nella storia quattro esempi eccellenti di maghi guerrieri che fecero uso di incantesimi estranei alla scuola, cosa in cui non è riuscito, ciò avrebbe comunque solo carattere aneddotico, non certo sufficiente a sostenere un'argomentazione. Potrei facilmente trovare quattro esempi di maghi esperti nella Scuola dell'Illusione che abbiano fatto uso di incantesimi di guarigione, oppure di spadaccini della notte che si siano tele-trasportati. C'è un tempo e un luogo per ogni cosa.

 

L'argomentazione di Bero, basata su vacillanti fondamenta, è che la Scuola della Distruzione non sia una vera scuola. La definisce un percorso di studio "limitato e futile" ed etichetta i suoi studiosi, impazienti e inclini alla megalomania. Com'è possibile replicare? Non sa niente su come lanciare un incantesimo di Distruzione, ma osa criticare la scuola per essere troppo semplice? Riassumere l'intera Scuola della Distruzione nel mero atto di apprendere come causare "il massimo danno nel minimo tempo possibile" è chiaramente un'idea assurda. Inoltre, espone la sua ignoranza elencando tutti i complessi fattori studiati nella sua stessa Scuola dell'Illusione.

 

Permettetemi di rispondere elencando i fattori studiati nella Scuola della Distruzione. I vari metodi di diffusione di un incantesimo sono importanti nella Scuola della Distruzione più che in ogni altra scuola, se viene scagliato a contatto, a distanza, o in cerchi concentrici oppure in una sola volta per innescarsi in seguito. Quali forze devono essere dominate per scagliarlo: fuoco, folgore o gelo? E quali sono i pro e i contro di ognuna? Quali sono le reazioni dei differenti obiettivi all'assalto dei diversi incantesimi di distruzione? Quali sono le possibili difese e come possono essere fronteggiate? Quali sono i fattori ambientali da tenere in considerazione? Quali sono i vantaggi di un incantesimo a effetto ritardato? Bero suggerisce che la Scuola della Distruzione non possa considerarsi sottile. Nondimeno ignora di menzionare tutti i sortilegi che rientrano nel campo d'interesse, talvolta tali da influenzare una generazione dopo l'altra in modi tanto sottili quanto sublimi.

 

La Scuola dell'Alterazione è un'entità distinta e separata dalla Scuola della Distruzione e l'asserzione di Bero che dovrebbero considerarsi fuse è palesemente ridicola. Insiste, doppiamente ignorante riguardo alle Scuole dell'Alterazione e della Distruzione, che il "danno" è parte del cambiamento della realtà conseguito con l'uso d'incantesimi di Alterazione. L'implicazione di ciò è che la Levitazione, per elencare un incantesimo di Alterazione, è una stretta cugina della Saetta Scioccante, un incantesimo di Distruzione. Avrebbe altrettanto senso asserire che la Scuola dell'Alterazione, riguardando l'effettività del cambiamento, dovrebbe assorbire la Scuola delll'Illusione che s'interessa dell'apparenza del cambiamento.

 

Non è certo una coincidenza che un maestro della Scuola dell'Illusione lanci un simile attacco alla Scuola della Distruzione. L'Illusione è, alla fine, nient'altro che oscuramento della verità.