Minaccia incombente - Vol. III

 

di

Lathenil di Sunhold

 

 

Quello che segue è il resoconto di Lathenil di Sunhold, un rifugiato altmer dell'Isola di Summerset che venne a Cyrodiil all'inizio della Quarta Era. Secondo quanto riporta Lathenil, egli non fuggì in seguito alla crisi dell'Oblivion di Summerset... Anzi, fuggì dall'oscura ombra che i Thalmor gettarono sulla sua patria.

 

Lathenil aveva una presenza veramente intensa, per dirla in maniera educata, e alcune accuse sul suo coinvolgimento con i Thalmor rasentano la follia. Può essere per questo motivo che i suoi ardenti avvertimenti e le sue critiche esplicite sui Thalmor e sul Regno degli aldmeri non vennero ascoltate, ma la storia gli ha dato ragione almeno in parte.

 

Praxis Erratuim, storico imperiale.

 

Con estrema cautela, formai un gruppo dissidente composto da altri che non si fidavano delle motivazioni e dei metodi dei Thalmor. Nell'arco di mesi, liquidai tutte le eredità e le proprietà di famiglia possibili senza suscitare alcun sospetto. Volevo seguire Rynandor e aiutarlo a ripristinare la sua reputazione e il suo stato sociale. Saremmo poi tornati per sconfiggere i Thalmor al loro stesso gioco e rivendicare così gli usi e i costumi degli altmer! Il resto del mio gruppo sarebbe restato sull'Isola di Summerset a guadagnarsi la fiducia dei Thalmor al meglio delle proprie possibilità, spedendomi quando possibile delle missive clandestine.

 

Dopo settimane di scrupolose indagini e tangenti esorbitanti, seppi del fatto che Rynandor era tenuto su una nave ad Anvil. Prenotai il mio viaggio per Anvil, ma la mia ricerca si concluse praticamente lì, poiché Rynandor non arrivò mai al porto di Anvil. La mia intuizione che Rynandor avesse incontrato una fine dubbia, fu confermata durante la ricerca dei marinai che risultavano essere a bordo del vascello. Tutti morti a seguito di circostanze misteriose e violente.

 

Il primo di molti tentativi di omicidio nei miei confronti avvenne poco dopo. Inutile dire che sono sopravvissuto, ma il mio grande piano per ostacolare i Thalmor crollò senza un capo carismatico dietro a cui radunarsi. Mi nascosi, aspettando ansioso delle novità sulle attività dei Thalmor dall'Isola di Summerset.

 

Negli anni a seguire, cercai in vari modi di avvertire l'Impero riguardo alle azioni dei Thalmor. L'Impero, tuttavia, aveva già abbastanza problemi per fare fronte alle conseguenze della crisi dell'Oblivion all'interno dei suoi confini, e cercarsene altri nella lontana Summerset era fuori luogo. Con l'assassinio dell'Imperatore Uriel Septim VII, dei suoi eredi e il sacrificio di Martin Septim (il vero salvatore dell'Isola di Summerset e del resto di Tamriel!) l'Impero si trovò senza una guida.

 

L'Alto Cancelliere Ocato convocò il Consiglio degli Anziani in un infruttuoso tentativo di scegliere un nuovo imperatore. Senza un imperatore, l'Impero al di fuori di Cyrodiil cominciò a dividersi. Ocato accettò con riluttanza di diventare il monarca in base ai termini dello Statuto del Consiglio degli Anziani, fino a che l'ordine nell'Impero non fosse ristabilito. Ma raramente una guida riluttante è una guida forte.

 

Il Monarca Ocato fece degli sforzi ammirevoli per tenere a freno i tumulti che minacciavano di fare a pezzi l'Impero e stava continuando su quella strada quando la Montagna Rossa eruttò e distrusse gran parte di Vvardenfell (probabilmente a causa dell'interferenza dei Thalmor, ma non ho ancora trovato prova riguardo il loro coinvolgimento). Ciò che rimase di Morrowind fu gettato nel caos più totale. Gli effetti dell'eruzione furono avvertiti persino a Black Marsh, devastando le strade e tagliando fuori le guarnigioni imperiali.

 

Nessuno era preparato per quello che sarebbe accaduto in seguito.