Le cronache

dei santi fratelli di Marukh

Volume IV

 

O, la purificazione del

tempio

 

 

[Nota dell'editore: questo è il solo frammento pervenutoci della cronaca della Prima Era dell'Ordine Alessiano. Sembra sia stato conservato nel loro immenso complesso monastico presso il Lago Canulus, che fu raso al suolo durante la Guerra della Virtù (1E 2321) e i cui archivi furono distrutti o dispersi.

 

Si noti inoltre che gli scribi alessiani del tempo normalmente datavano gli eventi a partire dall'Apoteosi di Alessia (1E 266).]

 

Qui sono riportati gli eventi dell'anno 127 della Benedetta Alessia.

 

In quell'anno il giorno si oscurò su tutte le terre e il sole era dappertutto come se fosse Masser, ma di tre giorni, mentre le stelle si trovavano intorno a lui a mezzogiorno. Questo avvenne il cinque del Primo Seme. Tutti i presenti rimasero sconvolti e dissero che in seguito si sarebbe verificato un grande evento. E così fu, quando quello stesso anno portò demoni dall'antico tempio elfico di Malada, come non se ne erano visti sin dai giorni del Re Belharza. Questi demoni afflissero a lungo la terra al punto che nessuno poteva più arare, mietere o seminare. Il popolo decise così di chiamare in proprio aiuto i fratelli di Marukh. A quel punto, l'abate Cosmas riunì tutti i fratelli e li condusse a Malada, conosciuta anche con il nome di Tempio Alto nella lingua elfica e la attaccò con il sacro fuoco che distrusse i demoni. Furono bruciati molti libri e reliquie diaboliche. Poi su quelle terre regnò per molti anni la pace.