La porta degli spiriti

 

 

Gli antenati sono fra noi. Mai più lontani della Porta che Attende.

 

Gli antenati non sono defunti. I morti non giacciono sottoterra. I loro spiriti soffiano nel vento inarrestabili, nella voce del fuoco, nei passi calmi. Prestate attenzione a queste cose e conoscerete i vostri cari estinti.

 

Dimostrate rispetto con i doni e la preghiera. Mettete al corrente gli antenati delle questioni che vi riguardano, dei vostri spostamenti, delle fortune e delle tribolazioni.

 

La vostra protezione proviene dalla Porta che Attende. Ascoltate gli spiriti, che proteggono il vostro focolare. Vi insegnano la saggezza, dispensano saggi consigli e prevedono il vostro destino.

 

Ogni osso è una porta, che si apre oltre il muro del mondo. Ogni osso è una strada, percorsa da saggezza e potere. Ogni osso è lo steccato invisibile, che ci protegge dal male.

 

Onorate gli antenati sopra i vostri focolari, nelle vostre sale, nella comunione dei vostri templi e nella solitudine dei vostri sepolcri.

 

Proteggete gli antenati dalle bestie, dai ladri, dai sacerdoti profani e dagli stregoni. Non permettete ad alcuna creatura di rubarvi gli spiriti: come il focolare depredato si estingue, così il sepolcro profanato è disonorato.

 

Vivete in comunione con i vostri spiriti. Onorateli dentro e fuori di voi. Non piangete i morti, ma rifugiatevi nel loro abbraccio e ascoltate le loro parole.