La più nera oscurità

 

 

Nella provincia di Morrowind, adoratori e stregoni invocano i daedra minori e i daedra vincolati come servi e strumenti.

 

Gran parte degli asserviti daedrici possono essere invocati dagli stregoni soltanto per periodi molto brevi, entro le più fragili e tenui trame del comando e della sottomissione. Fortunatamente ciò limita le loro capacità offensive, sebbene in appena pochi minuti, gran parte degli asserviti sia in grado di causare danni terribili sia ai loro evocatori sia ai loro nemici.

 

Gli adoratori possono legare altri asserviti daedrici a questa dimensione utilizzando patti e rituali. Simili rituali hanno come risultato la permanenza degli asserviti daedrici su questo piano per un tempo indefinito, o almeno finché le loro manifestazioni corporee in questa dimensione non vengono distrutte, causando il ritorno della loro essenza soprannaturale all'Oblivion. Quando un daedra viene incontrato presso rovine o tombe daedriche, è quasi invariabilmente un visitatore a lungo termine della nostra dimensione.

 

Similmente, le entità minori legate dai signori daedra ad armi e corazze possono essere invocate per brevi periodi, oppure persistere per un tempo indefinito finché non vengono distrutte ed esiliate. Le armi e le corazze asservite invocate dai seguaci del tempio e dagli stregoni, sono esempi di vincoli a breve termine, mentre i manufatti daedrici come il Rasoio di Mehrunes e la Maschera di Clavicus Vile sono esempi di legami persistenti.

 

Il Tempio del Tribunale di Morrowind integra sia la venerazione dei daedra che degli spiriti minori asserviti all'immortale Almsivi, la divinità una e trina di Almalexia, Sotha Sil e Vivec. I daedra subordinati si suddividono in daedra benevoli e daedra malevoli. I primi si sottomettono spontaneamente all'autorità di Almsivi, mentre i secondi sono entità ribelli che si oppongono ad Almsivi, un'ingannevole progenie generalmente più avversa che alleata.

 

I daedra benevoli sono Boethiah, Azura e Mephala. La brama e l'avidità sono rappresentate da un potente e violento daedra associato con Boethiah, Padre degli Oscuri Disegni, una creatura sinuosa, dalle membra allungate, con una lunga coda e una testa di bestia, temuta per il suo tocco paralizzante e la sua capacità di disintegrare armi e corazze. Il crepuscolo alato è un messaggero di Azura, Dea del Tramonto e dell'Alba. I crepuscoli alati sono simili alle selvagge arpie delle terre occidentali, sebbene la loro apparenza femminea sia assai più affascinante e le loro lunghe e affilate code uncinate siano immensamente più letali. I daedra ragni sono gli asserviti di Mephala e assumono la forma di centauri aracnoidi con testa, torso e braccia nude con proporzioni umane unite alle otto zampe e al carapace corazzato di un gigantesco ragno. Disgraziatamente, tali daedra sono talmente feroci e irrazionali da non risultare affidabili servitori dei comandi della Tessitrice. Di conseguenza, assai pochi negromanti in Morrowind osano invocare o asservire simili creature.

 

I daedra malevoli sono Mehrunes Dagon, Malacath, Sheogorath e Molag Bal. Tre daedra minori sono associati con Mehrunes Dagon: il fastidioso e agile furfante, il feroce clannfear dalle sembianze di bestia e il nobile e letale dremora. Il daedra umanoide dalla testa di coccodrillo, conosciuto come daedroth è un asservito di Molag Bal, mentre il gigantesco ma stolto ogrim è un servitore di Malacath. Il daedra minore di Sheogorath, la santa d'oro, dalle sembianze di una femmina umana seminuda, ha una grande resistenza alla magia ed è una pericolosa incantatrice.

 

Un altro tipo di daedra minore incontrato frequentemente nelle terre di Morrowind è Atronach, il daedra elementale. Atronach non ha alcuna affinità o legame con i signori daedra e serve un regno o l'altro a proprio piacimento, mutando compagine in base a opportunità, seduzione o coercizione.