I Mutati

 

 

Trinimac fu il più forte fra tutti gli et'Ada che vagarono per Nirn. Per moltissimo tempo riuscì a ingannare gli aldmeri, convincendoli che le lacrime fossero la miglior risposta alla separazione. Essi piansero e incolparono i nostri antenati, soprattutto gli effemminati altmer. Arrivarono al punto di nominare il nome del Dio Mancante invano, mettendo in dubbio le Sue storie. Così un giorno, Boethiah, giovane e precoce principe degli intrighi, con uno stratagemma convinse Trinimac a farlo entrare nella sua bocca. Per un po', Boethiah parlò come Trinimac e radunò una folla di ascoltatori. Boeathiah espose le menzogne di et'Ada e aedra, poi affermò che Trinimac fosse il bugiardo più grande di tutti... e tutto questo con la voce dello stesso Trinimac! Boethiah rivelò la Verità Triangolare alla moltitudine che lo ascoltava. Mostrò loro, con Mephala, le regole dell'Ordine Psijic. Insegnò a costruire le case e quali oggetti fosse necessario seppellire negli angoli. Dimostrò il modo giusto di indossare la pelle. Fece vedere il modo di camminare corretto durante un esodo. Alla fine, svelò di essere Trinimac per dimostrare che tutto ciò che aveva detto era la verità. A quel punto, per questo nuovo popolo fu facile diventare i Mutati.