Ascesa e caduta delle Blade

 

di

Anonimo

 

 

Sono in molti a ricordare ancora le Blade. Ma soltanto pochi sono in grado di tramandarne la storia, le origini e la caduta. Uno di questi era mio padre. Nel suo momento più carico di orgoglio mi ha detto: "Sai mantenere un segreto come le Blade".

 

Le Blade erano brave a custodire i propri segreti.

 

Non mettevano su carta praticamente nulla e passavano con cautela le informazioni dalle spie di ogni provincia ai membri di rango più elevato che proteggevano l'imperatore. Erano riservate persino tra di loro.

 

La maggior parte della gente associa le Blade all'armatura cerimoniale e alle spade lunghe ricurve degli akaviri. Questo ordine nasce dai guerrieri più tenaci di Akariv: la Guardia del Drago. Lì, come fecero in seguito a Tamriel, proteggevano regni e sovrani. Ma stando alle ultime scoperte, c'è molto di più.

 

Molti testi classici narrano le avventure di Akavir, conosciuta anche come la terra orientale del drago. Sono in molti a Tamriel che hanno tentato di conquistarla e il tentativo più famoso risale all'Imperatore Uriel V e alla sua Decima Legione nel 3E 288 come documentato nel dispaccio imperiale "Disastro di Ionith". I draghi sono ormai leggenda in quella terra e sono in molti a credere che le fugaci apparizioni nella storia di Tamriel altro non siano che i draghi emigrati da Akavir, nel tentativo di sopravvivere alla Guardia del Drago che li seguì a Tamriel sul finire della Prima Era.

 

Giungendo dal nord, oltre ai draghi, la Guardia del Drago incontrò anche gli uomini di Skyrim, che come sappiamo non vedevano bene gli intrusi. La Guardia del Drago si aprì un varco attraverso Skyrim e l'invasione non terminò finché non fu arrestata da Reman Cyrodiil durante la battaglia di Passo del Pale. Fu Reman a riunire le terre umane di Cyrodiil e a sconfiggere gli invasori akaviri.

 

Reman è uno dei mitici Sangue di Drago più documentati e accettati, consacrati da Alessia e Akatosh stessi. "Nato con l'anima di un drago", erano soliti dire i suoi seguaci. I resoconti differiscono profondamente sul Passo del Pale, ma il risultato finale è lo stesso: i sopravvissuti della Guardia del Drago, dopo avere udito la voce di Reman Cyrodiil, si inginocchiarono al cospetto del loro conquistatore e salvatore, giurando di seguirlo ovunque. Alcuni frammenti di testo della fine della Prima Era raccontano di guerrieri che, cadendo in ginocchio, dissero: "Non stavamo cacciando" (o "non intendevamo cacciare", secondo la mia interpretazione), "stavamo cercando te".

 

Protessero Reman e i suoi discendenti con la loro vita, quando la dinastia Reman guidò Tamriel nella Seconda Era. Fu in questo periodo che il loro potere crebbe dando vita all'ordine delle Blade. Terminata la loro missione sui draghi, il loro unico scopo divenne proteggere il Sangue di Drago e con lui l'Impero.

 

Raggiunsero il loro apice più tardi durante la Terza Era sotto la gudia della dinastia Septim. Nonostante il loro numero, riuscirono a preservare la segretezza. I più in vista e documentati sono i membri che proteggevano personalmente l'imperatore, che indossano ancora l'armatura originale degli akaviri. Ma questi erano solo la punta della lancia, poiché le Blade erano una vasta organizzazione che si estendeva a ogni angolo di Tamriel. Ve ne erano di ogni razza. Erano mercanti, ladri, artigiani, maghi e guerrieri: tutti che agivano da spie e operavano in segreto, per proteggere l'imperatore a seconda delle necessità. Agivano spesso da soli, ma alcuni frammenti parlano di incontri dentro delle fortezze segrete disseminate per il continente: la più famosa è il Tempio del Signore delle Nuvole di Cyrodiil, dove appendevano le spade di coloro che erano morti proteggendo il Sangue di Drago. Altre mappe menzionano il Tempio del Vento Eroso sotto la grande distesa del deserto Alik'r di Hammerfell, il Tempio del Rifugio Celeste nelle montagne di Skyrim e il Tempio dell'Artiglio Tempestoso a est di Wayrest.

 

È risaputo che avessero un gran maestro che viveva spesso tra la gente, sconosciuto agli altri. La natura delle loro comunicazioni, luoghi di incontro e missioni era conosciuta soltanto a pochi membri di rango elevato. Gli unici due a sapere tutto erano il gran maestro e il cronista, il cui compito era assicurarsi che le missioni del gruppo non trapelassero né tanto meno andassero perdute.

 

Con la morte di Uriel Septim VII e di suo figlio, Martin, la Terza Era giunse al termine con le Blade che si radunarono all'interno del Tempio del Signore delle Nuvole di Cyrodiil in attesa del Sangue di Drago che avrebbero di nuovo servito.

 

Durante l'Impero della Quarta Era, le Blade smisero di proteggere apertamente il regno e gli imperatori: quel ruolo è ora ricoperto dal Penitus Oculatus, un'organizzazione puramente imperiale. Ma le Blade proseguirono la loro sacra missione di attendere il Sangue di Drago e proteggerlo dai nemici futuri. L'ordine fu il primo a captare i segni che prima o poi i Thalmor del Regno degli aldmeri avrebbero varcato il confine. Riuscirono dove il Penitus Oculatus, schiavo della politica imperiale, fallì, guadagnandosi in questo modo l'odio permanente dei Thalmor.

 

Come ben tutti sappiamo, gli avvertimenti delle Blade si dimostrarono corretti. La grande guerra tra l'Impero e i Thalmor consumò l'Impero fino a quasi distruggerlo. L'Imperatore Titus Mede II stipulò infine la pace con i Thalmor a un prezzo che ancora ci affligge.

 

La natura avida e distruttiva dei Thalmor è risaputa a molti [a partire dalla mia famiglia]. Sono tutt'altro che stupidi. Sapevano fin dall'inizio che le Blade erano un nemico e le hanno perseguitate durante la grande guerra. Alcuni membri furono uccisi difendendo il proprio tempio e altri mentre riposavano nei loro nascondigli. Alcuni si opposero, altri fuggirono e altri ancora si nascosero, ma i Thalmor li scovarono tutti.

 

C'è chi dice che le Blade siano ancora tra di noi. All'insaputa dei Thalmor, attendono come hanno fatto per molto tempo, il ritorno del Sangue di Drago che le guiderà, mentre loro penseranno a proteggerlo.