Commenti sul Mysterium
Xarxes

Libro tre

di
Mankar Camoran


La torre sfiora ogni mantello del paradiso, fratello novizio, e dalla sua sommità un uomo può essere ciò che desidera. Ancora, sii come fu lui eppure mutato per chiunque altro su quel sentiero, per coloro che seguono. Questa è la terza chiave del Nu-mantia e il segreto di come i mortali divengono creatori e i creatori tornano a esser mortali. Le Ossa della Ruota necessitano della loro carne e questo è il retaggio del genere umano.

Oh spergiuri, badate a voi, poiché i loro traditori corrono lungo i sentieri nemici, cani corridori di dei prolissi. Il Sangue di Drago ha celato l'ascesa in seimila anni di etereo labirinto, quale è l'arena, che ancora essi negano sia legata da giuramento. Per il libro, prendi questa chiave e penetra il divino guscio che racchiude i possessori dei mantelli. La pelle d'oro! 
SCARAB AE AURBEX!

Sventura sia su chi infrange il giuramento. Della pelle dorata, il Mysterium Xarxes dice: "Non farti ingannare dai derelitti che hanno smarrito la retta via, poiché persero la fede a causa dell'aedra che non conosce altri mondi". E le parole di Lord Dagon ci istruiscono a distruggere tali senza fede: "Divora o prosciuga i derelitti perduti e guadagna quella minima volontà che li condurrà a percorrere il sentiero della divinità senza indugio. Scaccia o brucia chiunque li indusse ad attardarsi. Sappi che sono chiamati Mnemoli".

Ogni nuovo membro sarà ripagato dal meno conosciuto. Vedi, fratello, e non offrire altro all'idra.

Oh lettore, percepirai presto un coro d'ombre. La stanza in cui ti trovi ora si colmerà di occhi e voci. La luce della candela o dell'incantesimo che illuminano queste parole, diverrà un cancello per i traditori che ho menzionato. Disperzzali e non temere. Invocane i nomi, richiamali fuori dalla loro natura fondamentale. Io, il Mankar delle stelle, sono con te, e verrò a prenderti per condurti nel mio paradiso dove i traditori della torre saranno appesi a rovine di vetro finché non sorrideranno con la nuova rivoluzione.

Quella è la tua protezione contro i Mnemoli. Correranno tristemente, con sinistro rumore, e splenderanno soltanto quando la terra tremerà con l'eruzione dell'ammantato di nuovo. Dì loro: "Andate! GHARTOK AL MNEM! Dio è giunto! NUMI MORA! NUM DALAE MNEM!".

Una volta che camminerai nel mondo mitico, cederà il suo potere a te. Il mito non è altro che primordiale volontà. Inesprimibile verità. Medita su ciò mentre cercherai la quarta chiave.

Le leggi conosciute dell'arcana natura si disperderanno come calore. "Editto della prima torre: raffigura il limite del mutante dove non può più nuocere. Come dio del Mundus, similmente sarà la sua progenie, separata dalle proprie scintille divine. Noi siamo otto volte otto esarchi. Possa la casa di Padomay vederci come gli unici a uscire".

CHIM. Che tutti sanno può rigenerare la terra. Testimone della casa del Re Rosso un tempo distesa di giungle.

Colui che entra nel paradiso entrerà nella sua stessa madre. AE ALMA RUMA! L'Aurbis avrà fine in qualsiasi modo.

La fine cerchiamo attraverso la nostra alba, ogni fine. Esita adesso e diverrai uno degli orfani persi nella via di cui mi alimento. Seguimi e io adorerà nel profondo. La mia prima figlia fuggì dalla via di dagonite. Il suo nome era Ruma e la divorai in un boccone senza pane, quindi ne feci un'altra, che apprese e che amai e i neri uccelli formarono la sua gemella ai confini del tempo.

Sia la luce delle stelle il tuo mantello, fratello. Indossala per vedere e aggiungi la sua luce al paradiso.