Antefatti della legge Dwemer

 

Questo libro è un resoconto storico dello sviluppo delle leggi e delle usanze dwemer a partire dalle sue origini nella cultura degli elfi alti.

 

In breve, per quello che sono riuscito a intendere finora, lo sviluppo delle usanze delle tribù bosmer è in tutti i sensi paragonabile a quello della legge altmer. La predisposizione iniziale per schiavi e animali era destinata a svanire e a trasformarsi in seguito, come nelle Isole di Summerset, in una forma di compenso.

 

Tuttavia questo fatto cosa ha a che fare con lo studio dell nostre leggi odierne? Per quanto riguarda l’influenza della legge altmer sulla nostra, specialmente quella tra maestro e servitore, basta esaminare ogni sentenza registrata negli ultimi cinque secoli. Ci è già stato chiesto di reiterare al giorno d’oggi il ragionamento dei magistrati altmer, per quanto vuoto e privo di significato. A riprova di ciò, vi mostrerò rapidamente come le usanze altmer siano seguite anche dalle corti dwemer.

 

Nelle leggi di Karndar Watch (P.D. 1180) si dice: “Se un servo o uno schiavo uccide un uomo libero, il proprietario deve risarcire i parenti della vittima con tre oggetti di valore e con il corpo dello schiavo stesso”. Ci sono molte altre citazioni simili e lo stesso principio è esteso anche nel caso di un omicidio commesso da un centurione. “Se, durante il lavoro, qualcuno viene ucciso da un animunculi, i parenti della vittima possono fare a pezzi l’animunculi e impossessarsi delle sue parti entro trenta giorni”.

 

Vale la pena paragonare quello che Dhark ha menzionato riguardo alle bestie primitive delle foreste di Tenmar: “Se un gatto di palude viene ucciso da un argoniano, la sua famiglia cadrà in disgrazia finché non si vendicherà uccidendo a sua volta l’argoniano o un suo simile. Inoltre, se un gatto di palude muore cadendo da un albero, i suoi parenti possono vendicarsi abbattendo l’albero, spezzandone i rami e disseminandoli per la foresta”.